Lavorare a Londra in UK, il sogno si realizza

E-mail Stampa PDF
Lavorare a Londra

Le ultime statistiche indicano che almeno 70.000 italiani se ne sono andati nel 2010 verso l’estero, richiamati dalle opportunità di lavoro che si trovano qui rispetto alla crisi economica che attanaglia l’Italia.

Cosa spinge giovani e meno giovani a lasciare casa, famiglia, amici, fidanzati e correre ad esempio nella piovosa e fredda Londra?

Certo se qui il miracolo economico degli anni ´90 è meno sentito di prima, sicuramente gli stipendi sono elevati per lo stesso tipo di lavoro che si svolge in Italia!

Inoltre, proprio a Londra è possibile davvero nel giro di una settimana trovare casa e nel giro di due prendere un lavoro sia per vivere che per pagare una scuola di inglese.

E iniziare quindi a salire nelle possibilità di avere ulteriori e meglio pagati impieghi!

Entriamo ad esplorare la vasta gamma di occasioni che si apre davanti a noi nel “Big Smoke” londinese!

La città più multietnica e da vivere con allegria e semplicità: burocrazia poca, appartamenti e lavoro in buona quantità, procedure precise ma snelle a tutti i livelli, dal contratto di casa a quello di lavoro.

Ma come muoversi? Ci sono comunque alcune cose da imparare, è ovvio, per muoversi nella giungla urbana, anche se di liane ne troviamo davvero tante!

Affrontiamo i problemi uno alla volta, come ci hanno insegnato fin dalle elementari! Partiamo dalla casa: ci serve un piccolo budget di partenza, con cui assicurarci almeno le prime tre-quattro settimane per poter affittare la stanza!

Il prezzo? Varia dalle 60 pounds a settimana (che troverete negli annunci indicato come “pw”, ossia per week) fino ad addirittura 500 sterline pw!

Dipende dalla zona in cui avete scelto di vivere, se la stanza  è singola o doppia, se vivete con una landlady o un landlord (ovvero con il padrone di casa) oppure con studenti e/o professionisti!

Chiaramente se ci allontaniamo dal centro (zona 1), evitando accuratamente le zone più “posh” e turistiche, i prezzi tendono ad abbassarsi.

Piccolo consiglio: il sito più usato anche dagli inglesi per cercare casa e/o lavoro a Londra, si chiama Gumtree (http://www.gumtree.com/london). Fateci un salto, mettete la zona o le zone di Londra che vi interessa, intersecate con le altre caratteristiche (con o senza animali? Con o senza giardino? Solo studenti? Appartamento o casa? Tripla, doppia, singola? Gay-friendly?).

Le categorie da scegliere sono molto ben divise e ripartite per “borough” (quartiere) e “county” (contea), e se all’inizio avete poca dimestichezza con esse, no problem!

Basta inserire le direzioni geografiche: north-east, south-west, e così via! Avrete il riferimento su GoogleMaps e andate sempre a guardarlo, poiché con la videocam vi darà anche una panoramica in tempo reale del quartiere in cui finirete.

Londra per questo è pazzesca: basta andare in autobus per accorgersene! Una strada è ad esempio piena di vita e negozi, pulita e residenziale, quella appena girato l’angolo può essere buia e senza lampioni con mille case popolari strapiene!

Quindi occhio al quartiere: ad esempio di questi tempi, Stratford nell’East End si sta rivalutando a causa delle Olimpiadi e quindi i prezzi sono un poco saliti, mentre nemmeno un anno fa erano davvero convenienti.

Cosa consigliarvi?

Se cercate la “movida”dovete allora andare lungo la linea North-Easta salire dal centro!

Da Shoredicht, “capitale” nella capitale degli artisti e dei locali più trendy, proseguendo per Bethnal Green, coloratissima e movimentata area piena di famiglie medio-orientali in cui troverete Brick Lane, altra zona della movida notturna londinese, sede di famose gallerie d’arte alternative e di un famosissimo e omonimo “mercato delle pulci” a prezzi stracciati che ha luogo la domenica!

Provate a cercare casa verso Roman Road (Victoria Park) verso i parchi, polmoni verdi di questa area, ed i canali con il loro spettacolo mozzafiato, per poi risalire verso London Fields, Hacney Down e arrivare a Dalston, quartiere afro e studentesco, con mille locali eccentrici e di tendenza sia diurni che notturni, e a Stoke Newington, quartiere multiculturale che sembra un villaggio di altri tempi, nonché centro urbano del nord-est prediletto dalla comunità omosessuale per abitarci!

Se cercate quartieri residenziali, serviti benissimo dai treni e dall’Overground, a volte addirittura più veloci della ultrafamosa Tube, scegliete il sud-est. Un susseguirsi di canali e verde da Surrey Quays, a Greenwich con il famoso parco fino a Forest Hill!

La vostra “bibbia” in questa fase (ma non solo) sarà un libro corposo composto di…mappe! L’ “A-Z London” si compera dappertutto ed è davvero il vostro amico più caro: riporta tutte le strade di Londra!

Inoltre conviene fare subito una scheda telefonica inglese: costa nulla (appena dieci euro), e vi serve per poter contattare immediatamente i numeri di telefono degli annunci! Credeteci, a volte capita di leggere un annuncio alle 9 di mattina e di telefonare qualche ora dopo, ma la casa è già stata data o promessa in visita a qualcun altro!

Inoltre numero inglese e indirizzo di casa a Londra sono indispensabili per cercare lavoro: moltissime agenzie lo richiedono esplicitamente e non considerano candidati “overseas”, con indirizzo cioè non in UK!

Ma se il lavoro è in zona 1 ed io ho trovato casa in zona 4?

No panic! Visto che si paga a settimana, spesso la casa dove sarete all’inizio non sarà quella dove vivrete poi per tanto tempo. Prendetene una economica, con un contratto a breve scadenza per iniziare e una volta trovato il lavoro, sarà facile ricollocarvi vicino il più possibile al posto di impiego. Perché vicino? A Londra il nemico numero uno dei lavoratori e in genere di chi ci vive si chiama “commuting”, ossia lo spostamento fisico, il tragitto che si deve fare per raggiungere il lavoro da una parte e i luoghi di divertimento dall’altra!

Quindi scegliete una stanza, casa o appartamento a metà strada, con il lavoro facile da raggiungere, ma anche con la zona dei locali preferiti a portata di metro e soprattutto di autobus notturno.

Spesso negli annunci viene calcolato al millimetro la distanza dal centro con i vari mezzi, oltre che dal supermercato! Criteri quindi da aggiungere nella scelta del vostro futuro appartamento in salsa londinese.

Ricordiamo che è in atto anche una campagna sponsorizzata dal Major di Londraper incentivare lo spostamento in bicicletta, mezzo veloce soprattutto in una città intasate di traffico come Londra. Potete richiedere sul sito del Transport for London(http://journeyplanner.tfl.gov.uk) gratuitamente fino a nove mappe per le zone che volete in città!

Altra bibbia da consultare è appunto questo (meraviglioso) sito che vi calcola le distanze, i tempi e vi indica tutti i mezzi di trasporto da prendere “per andare dove dobbiamo andare” a Londra!

Conviene anche comperare alcuni giornali con gli annunci per le case: ad esenpio, il TNTè gratuito nei newsagents aperti anche 24 ore su 24 (ibridi tra edicole/supermercati, come quello di Apu nei “Simpson”) e lo trovate fresco di stampa ogni lunedì.

Ottimo anche The Evening Standard, e soprattutto Loot, anch’esso da prendere il lunedì!

Qui ci sono tutti gli “ads” (advertisement, ovvero gli annunci) per cercare lavoro e stanze, case, appartamenti, ostelli e college!

Imperdibile Time Out invece per il vostro tempo libero! Ma di questo ne riparleremo in una altra sezione.

 

Authors: Risorse Disumane

Leggi originale su: http://www.risorsedisumane.com/1524/lavorare-a-londra-in-uk-il-sogno-si-realizza/

 

This content has been locked. You can no longer post any comment.

Menu Principale

Risorse Utili